giovedì 26 marzo 2015

Dal web: come riverniciare una bicicletta

http://it.m.wikihow.com/Verniciare-una-Bicicletta

Come Verniciare una Bicicletta

Hai visto la possibilità di fare un ottimo affare comprando a un buon prezzo quella bicicletta che vuoi a tutti i costi? Purtroppo però il colore non ti piace o, peggio, è rovinato e l'intera bici andrebbe riverniciata? Oppure semplicemente vuoi dare una rinfrescata ai colori della tua bicicletta utilizzando dei colori più moderni e brillanti? Non perdere la speranza, sei nel posto giusto, leggi e scopri come verniciare la bicicletta per farla tornare nuova e fiammante.

 Paint a Bike Step 1.jpg
Rimuovi dal telaio tutto ciò che non necessita essere verniciato: le maniglie dei freni, il mozzo dei pedali e la forcella. Le parti del telaio filettate possono essere protette coprendole con del nastro adesivo di carta così che, quando andrai a rimontare la bicicletta, non incontrerai problemi nell'avvitare i bulloni nelle proprie sedi.
  • Fai attenzione quando smonti la bicicletta. Smontare la forcella ed il manubrio, dal telaio della bicicletta, sono procedimenti molto complicati. Sarà necessario prendere appunti, e scattare qualche foto, per ricordare l'ordine corretto con cui andare a riassemblare i pezzi, una volta che la verniciatura sarà terminata. Potrebbero essere anche necessari degli strumenti appositi per smontare la forcella dal telaio senza deformarne alcune parti. Recati in un qualsiasi negozio di biciclette, lo faranno loro per te, spesso gratis o comunque ad un prezzo molto basso.
  • Questo è anche un buon momento per fare manutenzione. Puoi comprare del grasso per biciclette e con le mani ungerne bene tutte le parti mobili ed ingrassare tutti i cuscinetti. Ne garantirai un corretto funzionamento e li proteggerai dall'usura.
 Paint a Bike Step 2.jpg
Pulisci bene il telaio. Utilizza un prodotto apposito per eliminare qualsiasi traccia di grasso dalla tua bicicletta, puoi utilizzare gli stessi prodotti che vengono usati per pulire le carrozzerie delle auto. 
 
 Paint a Bike Step 3.jpg
Rimuovi tutti i residui della vecchia vernice utilizzando una carta abrasiva con una grana media o grossa (80), otterrai una superficie perfettamente liscia. Leggi la sezione Consigli per altre opzioni in merito.
  • Se sei fortunato e scopri di avere un telaio in carbonio non arrivare a carteggiare anche il carbonio. In questo caso potrebbe essere meglio lasciare un velo della vecchia vernice come protezione.
  • Se hai notato ammaccature o graffi questo è il momento giusto per eliminarli. Puoi utilizzare del comune stucco da carrozziere, o qualsiasi altro prodotto apposito, ricorda di carteggiare bene, alla fine della stuccatura, per avere una superficie liscia. Come ultimo passo rimuovi la polvere che si è prodotta carteggiando lo stucco.
 Paint a Bike Step 4.jpgAppendi il telaio utilizzando la sede dove si inserisce la forcella, per evitare che la vernice possa rovinare la parte interna del mozzo dei pedali. Uno stendi abiti è ideale per questa funzione, assicurati di avere spazio per muoverti agilmente intorno a tutto il telaio e anche sotto se necessario. Devi essere in un luogo ben ventilato e con un'ottima illuminazione per poter stendere la vernice in modo uniforme e senza sbavature.

 Paint a Bike Step 5.jpg
Applica uno strato di fondo in più mani molto sottili, così da avere una finitura migliore. Per un'applicazione corretta segui le istruzioni d'uso riportate sulla bomboletta spray (normalmente occorre mantenere una distanza di 20 cm dalla superficie da verniciare). Parti dai punti di giunzione dei vari tubolari che formano il telaio e dal mozzo dei pedali, sono i punti più complicati da verniciare, in cui si possono formare degli accumuli di vernice o dove ci si può dimenticare di passare. Attendi circa 15 minuti tra una mano e l'altra e non ti preoccupare se ti accorgi che alcune superfici non si sono verniciate perfettamente, dopo aver applicato tutte le mani di vernice necessarie, lo saranno.
  • Assicurati di acquistare la giusta vernice di fondo, in base al colore finale che vuoi dare alla tua bicicletta. Scegline una che sia resistente alla ruggine o che ne prevenga la formazione.
  • Se stai verniciando un telaio in alluminio acquista una vernice per il fondo di base specifica per questo materiale, o un prodotto apposito che contenga alomide. In questo modo i pori del metallo verranno sigillati e otterrai un risultato finale perfettamente liscio ed uniforme.
  • Quando applichi il primo strato di base, nel processo di verniciatura, soprattutto se sei all'aperto, indossa sempre degli occhiali protettivi ed una mascherina. Non è bello respirare o spruzzarsi gli occhi di vernice a causa di un colpo di vento improvviso. Indossa una maglietta a maniche lunghe e dei guanti, alcune vernici possono irritare la pelle.
 Paint a Bike Step 6.jpg
Lascia asciugare il telaio per circa 24 ore. Durante la fase di asciugatura cerca di non spostare il telaio dal luogo devo lo hai verniciato, se questo non ti fosse possibile, adagialo delicatamente su un letto fatto di vecchi giornali. Cerca in ogni caso di toccarlo il meno possibile, la vernice in questo momento si può danneggiare molto facilmente. 
 Paint a Bike Step 7.jpg
Una volta asciutta, carteggia la vernice con una carta abrasiva con grana 220. Questo passo serve a rendere completamente liscio il primo strato di vernice in modo che gli strati successivi vi possano aderire in modo saldo. 
 
 Paint a Bike Step 8.jpg
Adesso applica la vernice del colore che hai scelto. Prima di iniziare assicurati che la superficie del telaio sia perfettamente pulita. Per applicare la vernice finale esegui gli stessi passi che hai usato per applicare lo strato di fondo, applica più mani molto sottili in modo da avere una resa finale uniforme e compatta. Se vuoi verniciare la tua bicicletta con più di un colore, parti applicando quello più chiaro, fino ad ottenere uno strato finale uniforme, dopodiché copri con della carta e del nastro adesivo le parti di telaio che dovranno rimanere di questo colore e stendi il colore più scuro su tutto il resto del telaio. 
 
 Paint a Bike Step 9.jpg
 
Una volta che la vernice si sarà asciugata, carteggiala con una carta abrasiva molto fine (grana 1200). In quest'ultimo passaggio di carteggiatura fai in modo di mantenere umida la superficie del telaio, aiutati con un prodotto per pulire i vetri, in questo modo la carta abrasiva rimarrà pulita dai residui di vernice carteggiata ed otterrai una superficie pronta per essere verniciata con l'ultimo strato protettivo di vernice, quello che renderà il risultato finale lucido e brillante. 
 
 Paint a Bike Step 10.jpg
Questo è il momento di attaccare qualche adesivo o decalcomania sulla tua bicicletta, sempre che ti piacciano. Applicando lo strato di vernice trasparente protettiva anche gli adesivi verranno protetti al meglio, ricorda però che, se non utilizzi degli adesivi molto sottili, difficilmente otterrai una superficie completamente liscia. Se vuoi delle decalcomanie originali puoi cercarle on-line, direttamente sul sito dei produttori più famosi. 
 
 Paint a Bike Step 11.jpg
Applica lo strato di vernice protettiva trasparente nello stesso modo dei passaggi precedenti. Potrebbero essere sufficienti 2-3 mani di vernice, ma ricorda che, per questa applicazione, dovrai ridurre la distanza tra la bomboletta spray ed il telaio, per evitare di ottenere una superficie ruvida. 
 
 Paint a Bike Step 12.jpg
Una volta che il telaio sarà completamente asciutto completa il processo di verniciatura rimontando tutte le componenti che hai smontato nel primo passaggio: forcella, pedali, freni, cambio. Lascia passare del tempo, anche una settimana, prima di rimontare la tua bicicletta per essere certo che lo strato di vernice trasparente sia completamente asciutto. Eviterai di rovinare tutto il lavoro di verniciatura fatto fino a questo momento. 
 Paint a Bike Intro.jpg
Finito!
 

venerdì 20 marzo 2015

dal web: nuova indennità di disoccupazione

Nuova indennità di disoccupazione ASPI 2015. Requisiti e importi


Dal 2015, esattamente dal 1° maggio, entrerà in vigore la nuova Aspi (indennità di disoccupazione), che si chiamerà NASPI. Come le precedenti versioni dell'ammortizzatore sociale, è destinata a coloro che perdono involontariamente il posto di lavoro.
Fino al 30 aprile 2015, invece, vale la vecchia indennità, la ASpI, le cui informazioni trovi, sempre in questa pagina, più in basso.
Destinatari della NASpI
Lavoratori dipendenti (esclusi quelli a tempo indeterminato del settore pubblico e gli operai agricoli, i quali rientrano in un altro tipo di indennità).
Requisiti della NASpI
Perdita involontaria del lavoro (non vale per dimissioni, ad esempio)*
Iscrizione all'Ufficio per l'Impiego in qualità di "disoccupato"
Avere almeno 13 settimane di contributi negli ultimi 4 anni
Avere lavorato almeno 30 giorni negli ultimi 12 mesi
*eccezione perdita di lavoro:
la NASpI è riconosciuta a coloro che si dimettono per giusta causa e in caso di risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.
Per continuare a percepire la NASpI si deve partecipare alle iniziative lavorative e formative proposte dai servizi locali (come l'ufficio per l'impiego, l'ex collocamento). Il cittadino deve cercare attivamente un'occupazione
Importi della NASpI: quanto si prende al mese?
Si prende la retribuzione imponibile degli ultimi 4 anni, si divide per il numero di settimane contributive e si moltiplica il risultato per 4,33.
  • Se l'importo ottenuto è uguale o inferiore a 1.195 euro:
    si percepirà una NASpI pari al 75% del risultato
  • Se l'importo ottenuto è superiore a 1.195 euro:
    si percepirà una NASpI pari al 75% di 1.195 euro più il 25% del restante importo mensile.
La NASpI, comunque, non potrà superare il limite di 1.300 euro.
L'importo mensile diminuisce al quarto mese: il 3% in meno per ogni mese.
Durata della NASpI
L'indennità di disoccupazione NASpI viene erogata ogni mese.
Il cittadino non riceverà più il sussidio dopo il numero di settimane pari alla metà delle settimane di contributi effettivi.
Quindi, se si lavora, nell'arco dei quattro anni, 40 settimane (circa 10 mesi), allora si percepirà la NASpI per 20 settimane (circa 5 mesi).
E chi ha già usufruito della ASpI?
Chi ha già percepito l'indennità di disoccupazione ASpI e rientra, dal primo maggio, nei requisiti richiesti per la NASpI, riceverà un mensile per un certo periodo di tempo, scalando le settimane contributive per le quali ha già ottenuto il sussidio.
Quindi, se negli ultimi quattro anni risultano 40 settimane di contributi e 30 di queste sono state già calcolate per la "vecchia" ASpI, allora per la nuova NASpI si farà il calcolo sulle 10 settimane rimanenti.

Dal 1° gennaio 2017 la NASpI sarà assicurata massimo per 78 settimane (circa 18 mesi, un anno e mezzo).
Liquidazione anticipata della NASpI
Il cittadino può richiedere la liquidazione in un'unica soluzione dell'importo totale spettante (o quanto rimasto non ancora erogato), nel caso di iniziative imprenditoriali (una nuova attività autonoma), o per partecipare, con la propria quota, al capitale sociale di una cooperativa.
In questi casi la domanda all'Inps va fatta 30 giorni prima l'inizio dell'attività
Come e quando si richiede la NASpI
Si deve presentare domanda all'Inps online, tramite internet (leggi INPS, servizi online. Come funziona il Pin).
La richiesta va fatta entro 68 giorni dalla data di fine lavoro (fine contratto, licenziamento, dimissioni per giusta causa).
La NASpI decorre dall'8° giorno dopo la fine del lavoro o dal primo giorno dopo la presentazione della domanda.
ASpI fino al 30 aprile 2015
Fino al 30 aprile, invece, valgono le vecchie regole, che trovate di seguito.
Dal testo della riforma del mercato del lavoro, presentata dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Elsa Fornero, al Consiglio dei Ministri del 23 marzo 2012, riportiamo la sezione relativa all'Indennità di disoccupazione ASPI (Assicurazione sociale per l’impiego) con i requisiti, gli importi e i moduli.
Riguarda lo stato di disoccupazione, che si verifica dal 1° gennaio 2013, dei lavoratori dipendenti che abbiano perso involontariamente l’occupazione. Vi sono alcune eccezioni, come nel caso della maternità (vedi Aspi in maternità, anche con dimissioni volontarie).
Sostituisce l'indennità di mobilità, l'indennità di disoccupazione non agricola ordinaria, l'indennità di disoccupazione con requisiti ridotti, l'indennità di disoccupazione speciale edile (nelle tre diverse varianti).
Destinatari, differenze con la vecchia indennità di disoccupazione.
Oltre ai lavoratori dipendenti, viene allargata ad apprendisti, artisti (finora esclusi), soci lavoratori di cooperative con rapporto di lavoro subordinato, dipendenti a tempo determinato delle Pubbliche Amministrazioni.
Con riferimento ai collaboratori coordinati e continuativi, pur esclusi dall’ambito di applicazione dell’ASpI, si rafforzerà e porterà a regime il meccanismo una tantum oggi previsto.
Prima di iniziare con le informazioni relative al sussidio di disoccupazione, dovrebbe interessarti anche la lettura dell'articolo Verifica pagamenti ASPI online sul sito dell'Inps, dove viene spiegato come accedere al proprio profilo previdenziale e consultare i dati relativi all'Aspi, mini-Aspi e le altre indennità erogate dall'Inps.
Requisiti Indennità Aspi
Requisiti di accesso analoghi a quelli che consentivano l’accesso all’indennità di disoccupazione non agricola ordinaria:
  • 2 anni di anzianità assicurativa (si guarda la data del primo contributo)
  • e almeno 52 settimane di contributi nell’ultimo biennio (aver lavorato almeno un anno negli ultimi due)
  • obbligo di presentarsi al Centro per l’Impiego (ex collocamento) del proprio domicilio e rendere la dichiarazione di immediata disponibilità per eventuali impieghi proposti dall'ente.
I requisiti decadono in caso di fruizione della pensione (leggi questo utile articolo: Pensione, indennità Aspi e mini Aspi: incompatibilità)
Durata massima Indennità Aspi
  • 8 mesi per lavoratori sotto i 50 anni (10 mesi dal 2015)
  • 12 mesi per i lavoratori con età compresa tra 50 e 55 anni
  • 14 mesi per i lavoratori con almeno 55 anni di età (16 mesi dal 2015)
Importi Indennità AspiEliminazione del massimale basso; resta il massimale alto (rivalutato annualmente sulla base dell’indice dei prezzi FOI). Ecco le percentuali:
  • 75% fino alla retribuzione di 1.192,98 (dato fissato per il 2014);
  • in più: 25% per la parte di retribuzione superiore a 1.192,98 euro;
Abbattimento del 15% dell’indennità dopo i primi 6 mesi e di un ulteriore 15% dopo altri 6 mesi.
Retribuzione di riferimento legata all’intero periodo biennale di contribuzione.
La nuova ASPI concede trattamenti iniziali pressoché analoghi all’indennità di mobilità per le retribuzioni fino a 1.200 euro mensili (comprensivi dei ratei di mensilità aggiuntive), e decisamente più elevati per quelle superiori a tale livello.
In confronto con l’indennità di disoccupazione non agricola ordinaria è sempre più favorevole, fatta eccezione per le retribuzioni comprese tra 2.050 e 2.200 € mensili.
In caso di nuova occupazione
  • Si prevede che i periodi di lavoro inferiori a 6 mesi sospendano il trattamento, con ripresa alla fine del periodo di lavoro.
  • I periodi di lavoro superiori a 6 mesi fanno ripartire il trattamento (in presenza dei requisiti contributivi).
  • Lavoro occasionale con guadagno netto sotto i 3mila euro non fa decadere l'indennità
L'Aspi è entrata in vigore il 1° gennaio 2013.
RISORSE
Modulo Aspi da compilare e spedire (documento in formato pdf)
Mini Aspi, l'ex indennità di disoccupazione con requisiti ridotti.
Per maggiori informazioni
Per ogni chiarimento su casi particolari conviene contattare l'Inps-Inail attraverso il NUMERO VERDE 803.164 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 8 alle ore 20 e il sabato dalle ore 8 alle ore 14).
Qui sotto, invece, riportiamo i commenti dei lettori con qualche risposta alle domande fatte. Se vuoi lasciare anche tu un messaggio o porre un quesito, segui le indicazioni in fondo. Grazie.

domenica 1 marzo 2015

carnevale 2015






Anche quest'anno il carnevale di Pinerolo è arrivato un po' in ritardo, ma ha scelto una bella giornata di sole!!! Non ho fotografato tutti i carri perchè non mi piacevano tanto, era più l'occasione di rilassarsi al sole di marzo!! :-D ...E che vinca il carro migliore!!!